Rivista del Diritto Commerciale e del diritto generale delle Obbligazioni

Risultati della

Ricerca

77 risultati


FILTRI ATTIVI

Annata 1916
Fascicolo 1
Modifica filtri Nuova ricerca

Giurisprudenza francese in materia di guerra.

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 72

Dei diritti del locatore nel fallimento del conduttore (ERCOLE BASSI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 420

Effetti della guerra sulla vendita di merci

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 425

FALLIMENTO DI SOCIETÀ COMMERCIALE DOPO LA RIPARTIZIONE DELL' ATTIVO ? (AURELIO CANDIAN)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 648

L'ESECUZIONE PROCESSUALE INDIRETTA (G. M. CIVETTA)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 680

INCAPACITÀ PROCESSUALE DEGLI AUSTRIACI MARE LA GUERRA (FRANCESCO CARNELUTTI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 765

SUL NEGOZIO GIURIDICO PARZIARIO (GIOVANNI PACINOTTI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 834

TEORIA DELL'ERRORE OSTATIVO (CARLO PELLIZZI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 837

Decisioni inglesi in tema di guerra.

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 73

VARIETÀ

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 246

LIBRI E RIVISTE

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 75

LA BUSTA SOLEAU E L'ORGANO DI BERNA (MARIO GHIRON)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 308

SUI PAGAMENTI PATTUITI IN ORO DURANTE LA GUERRA (ADOLFO SACERDOTI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 313

Giurisprudenza francese in materia di guerra.

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 422

LIBRI E RIVISTE

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 579

LA DIFESA NAZIONALE DELLE SOCIETÀ PER AZIONI (CESARE VIVANTE)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 637

NOTE SUL DECRETO LIMITANTE I DIVIDENDI DELLE SOCIETÀ COMMERCIALI (ANGELO SRAFFA)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 162

RIVISTA DI LEGISLAZIONE STRANIERA

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 245

LA RESCISSIONE PER LESIONE ENORME E LA VENDITA COMMERCIALE (GIAN PIETRO CHIRONI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 261

SULLA DIFESA NAZIONALE DELLE SOCIETA PER AZIONI (LUIGI LORDI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 887

VARIETÀ

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 165

LO CHECK NEL FALLIMENTO DEL POSSESSORE E DEL TRATTARIO (LORENZO MOSSA)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 706

LIBRI E RIVISTE

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 332

LO STATO DI GUERRA ED IL RISCHIO E PERICOLO NEI TRASPORTI PER FERROVIA (NICOLÒ GIULIANI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 758

RIVISTA DI LEGISLAZIONE STRANIERA

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 61

DELLA CAPACITÀ GIURIDICA DEI RAPPRESENTANTI (BIAGIO BRUGI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 429

Ancora sugli arbitrati esteri e sulla proroga della giurisdizione italiana (GIUSEPPE OTTOLENGHI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 925

PER UNA TEORIA DEI NEGOZIO GIURIDICO RISPETTO Al TERZI (ACHILLE GIOVENE)

1. L'art. 1130 cod. civ. e la teoria dell'efficacia del negozio su terzi. — 2. Le tre categorie di effetti del negozio su terzi: A) L'efficacia indiretta o riflessa. Suo concetto e sue specie: efficacia riflessa semplice ed efficacia riflessa (propriamente detta) e lor criterio distintivo. Il parassitismo giuridico. Dell'efficacia riflessa semplice in particolare. — 3. Parallelo: gli effetti riflessi della norma di legge. — 4. La voluta contrapposizione tra efficacia riflessa e diritto subbiettivo. — 5. B) L' efficacia mediata: suo concetto. Applicazione nei negozi che trasmettono diritti assoluti; nei rapporti obbligatorii. I criteri di assolutezza e di relatività nei rapporti reali ed in quelli obbligatorii, — 6. C) Il contratto a favor del terzo: l' efficacia riflessa ed il contratto a favor del terzo. —7. I terzi in senso tecnico : gli aventi causa. Posizione loro di fronte ai diritti ed agli obblighi dell' autore, relativamente alla cosa trasmessa. L'art. 1127 cod. civ.: il trapasso dei diritti; distinzione, quanto al trapasso degli obblighi, tra diritti reali (od equiparati) e diritti non aventi efficacia reale. 1) Se contro l' avente causa possano farsi valere diritti non aventi efficacia reale, relativi alla cosa trasmessa. La pretesa possibilità di costituzione di nuovi tipi di diritti reali ed il carattere tassativo delle norme sulla trascrizione. II) Esperibilità, contro l'avente causa, dei diritti reali (od equiparati) e condizioni poste dalla legge. III) Trapasso di crediti. IV) Altri istituti a garantiti dei terzi in senso tecnico, e nel campo dei rapporti reali ed in quello dei rapporti obbligatorii.

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 589

NUOVI STUDI SULLA NEGOTIORUM GESTIO (GIOVANNI PACCHIONI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 220

ALCUNE QUESTIONI DI GIURISPRUDENZA MARITTIMA (GIUSEPPE VALERI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 464

LIMITAZIONE DEI DIVIDENDI E AUMENTO DI CAPITALE (LUIGI LORDI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 713

SUI PROVVEDIMENTI RELATIVI AL CALMIERE PER I FORMAGGI (PIETRO BONFANTE)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 920

LO CHECK NEL FALLIMENTO DEL TRAENTE (LORENZO MOSSA)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 533

L' ASSICURAZIONE SULLA VITAE IL FALLIMENTO DI UNO DEI CONTRAENTI (ROBERTO MONTESSORI)

. Si suppone ur rapporto di assicurazione in corso. d'esecuzione. — 2. L'effetto della dichiarazione di fallimento dello stipulante. — 3. Se il curatore abbia diritto di continuare il rapporto per conto del fallimento — 4. ovvero esercitare il riscatto della polizza — 5. o cederla. — 6. Quali autorizzazióni siano necessarie al curatore. — 7. Egli non ha il potere di revocare la designazione del beneficiario fatta dallo stipulante. — 8. L'effetto della dichiarazione di fallimento dell'assicuratore.

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 604

GLI USI COMMERCIALI

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 652

LA FORMAZIONE DEI CONTRATTI E LA RAPPRESENTANZA NEL DIRITTO SVEDESE (GIOVANNI CARRARA)

1. Il codice svedese del 1734 ; il nuovo diritto privato svedese. — 2. La obbligatorietà della proposta contrattuale. — 3. L' autonomia della proposta contrattuale. — 4. L'accettazione tardiva. — 5. La conclusione dei contratti consensuali : luogo e momento della perfezione. — 6. La questione dell' accettazione come negozio giuridico non recettizio. — 7. Efficacia giuridica del silenzio nella conclusione dei contratti. — 8, 9 e 10. La rappresentanza e in particolar modo il carattere giuridico della rappresentanza diretta, in confronto con le figure della rappresentanza indiretta e del nuntius. — 11. I rapporti fra rappresentanza, mandato e locazione d'opera. — 12. La responsabilità del rappresentante per la violazione delle norme della rappresentanz — 13. Il contratto con se stesso (selbsteontrahiren). — 14. Revoca della rappresentanza. — 15. Estinzione della rappresentanza in seguito alla morte o alla sopravvenuta incapacità del rappresentato.

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 794

LISTA DI BORSA E MERCURIALE (LEONE BOLAFFIO)

(Esegesi dell' art. 38 cod. com.) SOMMARIO: - 1. Funzioni del listino e della mercuriale — 2. Prezzo corrente e prezzo giusto — 3. Listino e mercuriale del luogo della esecuzione — 4. Critica di questa indicazione; le opinioni del VIVANTE e del TARTUFARI in proposito — 5. Fonti successive per stabilire il prezzo corrente o giusto; presunzione di verità connessa alla lista o alla mercuriale.  

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 909

IL DIRITTO DEL CREDITORE (GIOVANNI BRUNETTI)

I.—La costruzione del rapporto obbligatorio considerata sotto l'aspetto negativo. SOMMARIO. - Proemio. — 1. La tendenza scientifica a riconoscere, nel concepire l'obbligazione, una particolare importanza all'elemento patrimoniale di fronte all'elemento personale. La teoria, che distingue il debito dalla responsabilità o rispondenza.—2. Il diritto del creditore non è diritto ad un' azione del debitore. Il CARNELUTTI concorda in questa negazione. — 3. Critica delle osservazioni del CARNELUTTI circa il rapporto fra la nostra teoria, quella del SOHN e quella di ALFREDO ROCCO.—4. Importanza del negare il diritto all'azione. Quattro proposizioni fondamentali della teorica dominante, che vengono colpite da codesta negazione. Difetto , che, a questo riguardo, presentano, in generale, le dottrine dei dissidenti dalla comune opinione. — 5. La proposizione, che nega il carattere di fatto antigiuridico all'inadempimento di obbligazione , particolarmente di obbligazione contrattuale , risolve difficoltà inerenti al problema della distinzione fra torto civile e torto penale. 6. La proposizione, che nega nel debitore il dovere giuridico di agire, evita la difficoltà di conciliare il concetto dell' obbligazione col principio di libertà personale.—7. La negazione della norma, che comandi al debitore di agire , toglie di mezzo il problema degli invalidi destinatarii dei comandi. — 8. L' esclusione del diritto all' azione e la legge abolitiva dell' arresto personale per debiti. — 9. Importanza pratica dell'escludere il diritto all'azione pel compito. della scienza riguardo al progresso della legislazione positiva. — 10. Conclusione.  

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 137

IL DIRITTO DEL CREDITORE (GIOVANNI BRUNETTI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 282

QUESTIONI IN TEMA DI FORMAZIONE DEI CONTRATTI (AURELIO CANDIAN)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 854

L'ART. 61 COD. COMM. E IL CONCETTO DI SOPRAVVENIENZA. (GIUSEPPE OSTI)

Annata 1916 Fascicolo 1 Pagina 341


Gentile Utente,
per utilizzare questa funzionalità è necessario prima effettuare il login.

Non sei registrato? La registrazione richiede solamente un minuto!

Hai richiesto il download del seguente articolo:
Titolo: titolo

La parola inserita non è corretta, si prega di riprovare

Per favore conferma l'operazione copiando il testo contenuto nell'immagine nello spazio sottostante:


Hai scelto di acquistare il seguente articolo:
Titolo: #titolo#
Costo: #crediti#.

Hai a disposizione #crediti#, desideri procedere?

Non hai crediti sufficienti per acquistare questo articolo. Puoi acquistare crediti oppure un abbonamento a tempo dalla pagina del tuo profilo.

ISSN 2532-9839 | 2532-9847