Rivista del Diritto Commerciale e del diritto generale delle Obbligazioni

Risultati della

Ricerca

23 risultati


FILTRI ATTIVI

Annata 1971
Fascicolo 7-10
Modifica filtri Nuova ricerca

BALOSSINI C. E., La rilevanza giuridica delle " regole sociali " (GIOVANNI BATTISTA FERRI)

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 350

CORAPI D., Gli statuti delle società per azioni (ENRICO BIAMONTI)

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 359

TRIBUNALE DI MONZA - 21 novembre 1969

Autorizzazione alla vendita dell'intera azienda. Ammissibilità. Presupposti.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 265

CORTE DI CASSAZIONE - 20 febbraio 1970, n. 395

Deposito regolare a tempo indeterminato. Diritto del depositante alla restituzione. Termine di prescrizione. Decorrenza dalla richiesta di restituzione.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 225

Ancora sui poteri del giudice in sede di omologazione e di iscrizione (GIUSEPPE FERRI)

Omologazione. Poteri di sindacato del giudice in sede di omologazione. Società di persone. Partecipazione di società di capitali. Ammissibilità.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 313

CORTE DI CASSAZIONE- 3 gennaio 1970, n. 8

Contratto preliminare. Esecuzione in forma specifica. Sentenza costitutiva ex art. 2932 cod. civ. Ammissibilità. Limiti.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 211

Il soddisfacimento dei crediti ipotecari nella proposta di concordato preventivo (GIUSEPPE TERRANOVA)

Creditori ipotecari. Garanzia dell'intero soddisfacimento degli stessi. Condizione di ammissibilità della proposta. Soddisfacimento dei creditori chirografari. Previsione di decremento della massa passiva mediante pagamento con mezzi estranei. Possibilità meramente astratta. Inammissibilità.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 219

CORTE DI CASSAZIONE - 4 marzo 1970, n. 511

Obbligatorietà della liquidazione. Insussistenza. Diritto del socio agli utili. Postergazione alla estinzione dei debiti sociali e al rimborso dei conferimenti.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 236

La c. d. predisposizione unilaterale nei contratti conclusi mediante la adozione di moduli o formulari (ADOLFO DI MAJO GIAQUINTO)

Contratti conclusi mediante formulari. Predisposizione unilaterale. Estremi. Applicabilità dell'art. 1341 2° comma cod. civ. Presupposti con riferimento a clausola che prevede il diritto di recesso.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 331

TRIBUNALE DI VENEZIA - 25 novembre 1970

Impianti destinati all'impresa elettrica. Individuazione. Bacino idroelettrico inidoneo per vizio idrologico. Restituzione alla società. Illegittimità. Termini di restituzione fissati all'ENEL. Carattere non perentorio.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 299

PRETURA DI ROMA - 20 gennaio 1970

Regista cinematografico. Diritto morale d'autore. Tutelabilità. Presupposti. Ultimazione dell'opera. Non necessità. Produttore cinematografico. Modificazioni ad esso consentite. Diritto del regista al completamento dell'opera senza interferenze del produttore. Sussistenza. Misure cautelari. Presupposti.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 317

In tema di verità, di chiarezza e di precisione del bilancio di esercizio (GIUSEPPE FERRI)

Bilancio. Valutazione delle partecipazioni azionarie. Modificazioni nel valore potenziale. Conseguenze in ordine alla valutazione di bilancio. Illiceità di sottovalutazioni irragionevoli. Mancata osservanza dell'art. 2424 cod. civ. e iscrizione in bilancio di voci simboliche. Nullità della deliberazione di bilancio. Conto profitti e perdite. Inosservanza dei criteri di chiarezza e precisione. Nullità della deliberazione di approvazione. Dichiarazione di ufficio. Ammissibilità.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 247

La responsabilità del simulato acquirente verso il simulato alienante per abuso della titolarità apparente in cui si trova per effetto della simulazione assoluta (SERAFINO GATTI)

1. Un caso recentemente deciso dalla Corte di Cassazione. -- 2. L'accordo simulatorio nel meccanismo di produzione dell'apparenza. -- 3. L'esame dei dati del fenomeno simulatorio individua nella creazione dell'apparenza l'essenza caratteristica della simulazione. -- 4. Accordo simulatorio e pactum fiduciae. -- 5. Un'assimilazione fra accordo simulatorio e pactum fiduciae non trova giustificazione neanche per quanto concerne l'acquisto del terzo dal fiduciario, anche se l'acquirente è a conoscenza della fiducia. -- 6. La tesi che al contenuto del pactum conventum si possa attribuire l'importanza di elemento condizionante dell'attribuzione. Critica. -- 7. Il legittimo affidamento del simulato alienante sulla cooperazione del simulato acquirente a mantenere integro lo stato di cose preesistente. L'esigenza, avvertita dalla più recente indagine giuridica, di muovere da una considerazione più concreta dei rapporti che in effetti si instaurano fra le parti per risalire ad una qualificazione giuridica della loro fonte, non necessariamente negoziale, -- 8. L'estensione della responsabilità contrattuale a tutte le ipotesi in cui il fatto lesivo si verifica all'interno di un rapporto di cooperazione fra due soggetti.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 309

CORTE DI CASSAZIONE - 10 febbraio 1971, n. 340

Accomandatario. Trasferimento della quota. Necessità dell'unanimità dei consensi. Clausola statutaria che prevede la sufficienza del consenso della maggioranza e degli accomandatari o la libera trasferibilità. Validità.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 243

In tema di fideiussione per debiti futuri (GIUSEPPE STOLFI)

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 225

Assicurazione e responsabilità nel campo della navigazione (SERGIO FERRARINI)

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 250

La tutela esterna degli interessi familiari (ADRIANO DE CUPIS)

1. Il problema della tutela esterna degli interessi familiari. -- 2. Tutela esterna dell'interesse alla coabitazione, alla fedeltà e all'assistenza dell'altro coniuge: a) contro i comportamenti dei terzi che concorrono con la volontaria violazione del corrispondente obbligo da parte di questo. -- 3. Tutela esterna dell'interesse alla coabitazione, alla fedeltà e all'assistenza dell'altro coniuge: 6) contro i comportamenti dei terzi che compromettono la realizzazione di tale interesse indipendentemente da alcuna violazione imputabile all'altro coniuge. -- 4. Limitazione della tutela esterna dell'interesse coniugale alle manifestazioni di questo interesse protette primariamente verso l'altro coniuge: carattere complementare di tale tutela esterna. -- 5. Tutela dell'interesse del coniuge contro i terzi, e tutela dell'interesse di alcuni terzi contro la possibilità di danno a loro carico, insita nel rapporto coniugale. -- 6. Tutela esterna dell'interesse del figlio al mantenimento, all'educazione e all'istruzione da parte del genitore. -- 7. Tutela esterna dell'interesse del coniuge o del figlio rispetto al bene fondamentale dello stato di coniuge o di figlio. -- 8. Tutela esterna dell'interesse di altri congiunti agli alimenti. -- 9. Tutela esterna degli interessi cui corrispondono le potestà familiari. -- 10. Conclusione: caratteri fondamentali della tutela esterna degli interessi familiari.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 235

CORTE DI CASSAZIONE - 7 febbraio 1970, n. 288

Estinzione. Presupposti. Decorrenza del termine annuale per il fallimento. Trasferimento in blocco dell'azienda sociale. Mancata sistemazione dei debiti sociali. Non decorrenza del termine. Dichiarazione di fallimento. Ammissibilità.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 231

TRIBUNALE DI MILANO - 15 gennaio 1970

Piccolo imprenditore. Criteri quantitativi di individuazione. Limiti di applicazione. Artigiano. Inapplicabilità. Esclusione del fallimento a prescindere dai limiti dimensione. Società artigiane. Commercialità. Insussistenza. Fallimento delle società. Presupposti per la dichiarazione.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 269

Pretese del creditore e normativa di correttezza (GUIDO ALPA)

Creditore. Comportamento nei confronti del debitore. Principio di correttezza. Applicabilità.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 277

Problemi di legittimità costituzionale dell'art. 147 l. f. dopo la sentenza n. 142, 1970, della Corte Costituzionale (FRANCESCO VASSALLI)

1. Ambito e limiti della dichiarazione di incostituzionalità dell'art. 147 2° comma 1. f. -- 2. Critica della sentenza per la sostanziale «inutilità» e preferibilità sul piano logico di una sentenza interpretativa di rigetto. -- 3. La diversa impostazione del Satta del problema d'illegittimità costituzionale dell'art. 147 2° comma 1. f. -- 4. Pericoli e loro superamento nell'applicazione dell'art. 147 2° comma 1. f. -- 5. La dichiarazione di incostituzionalità della norma per la parte in cui nega al creditore la legittimazione a richiedere l'estensione del fallimento. -- 6. Il problema dell'illegittimità costituzionale del 1° comma dell'art. 147 1. f. e la sua possibile corretta impostazione. -- 7. Segue: possibile impostazione alternativa del problema a seconda della concezione seguita in ordine alla natura della responsabilità del socio. -- 8. La disparità di trattamento fra l'imprenditore commerciale e il socio ill. resp. nella disciplina dei presupposti per la dichiarazione di fallimento. -- 9. Eccezionalità della norma che assoggetta i soci al fallimento rispetto all'art. 5 1. f. e conseguente esigenza di rintracciare la « giustificatezza » di tale eccezionalità. -- 10. Criteri per il giudizio sulla ragionevolezza delle leggi. -- 11. Mancanza di qualsiasi « giustificatezza » nell'art. 147 nel quadro della disciplina vigente. -- 12. Possibile interpretazione dell'art. 147 1. f. adeguatrice della norma ai principi costituzionali.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 324

Il piccolo imprenditore commerciale (ANTEO GENOVESE)

1. Premessa. -- 2. L'art. 2083, cod. civ., nella parte finale, definisce in via positiva il piccolo imprenditore e, in via negativa, l'imprenditore normale. -- 3. Il criterio qualitativo della prevalenza del lavoro dell'imprenditore qualifica il tipo di organizzazione adottato dalla piccola impresa. Precedenti legislativi e leggi successive. -- 4. L'art. 2083 comprende solo i piccoli imprenditori individuali ed esclude le società, che possiedono un diverso tipo di organizzazione dei fattori produttivi e una più ampia dimensione. La presunzione legale della legge fallimentare conferma la regola dell'art. 2083. -- 5. Il contrasto fra il codice civile e la legge fallimentare ha per oggetto il conflitto fra l'art. 2221 cod. civ., che recepisce il criterio della prevalenza, e i criteri dettati dall'art. 1 1.f. Non c'è un contrasto diretto fra l'art. 2083 e la legge fallimentare, ma un conflitto interno al diritto fallimentare, sorto appunto fra due norme fallimentari. -- 6. L'opinione che afferma la perfetta coincidenza fra il criterio della prevalenza e i criteri previsti nella legge fallimentare: critica. L'opinione che invoca la legge fallimentare solo per definire le dimensioni del piccolo commerciante: critica. -- 7. Qualche osservazione comune ai criteri della legge fallimentare. -- 8. La mia interpretazione: quale criterio principale discriminante, la legge fallimentare richiama il testo unico del 1958 sulle imposte dirette (e successive modifiche) in ordine agli imprenditori classificati dal Fisco in cat. C/1, per i quali aggiunge il requisito del reddito minimo, esente dall'imposta. Il richiamo non si estende agli imprenditori classificati in cat. B, che sono sempre sottoposti al criterio generale della prevalenza. Gli imprenditori individuati dalla legge fallimentare hanno dimensioni più piccole di quelle permesse dal criterio della prevalenza. - 9. Continua: l'imprenditore di cat. C/1, che supera il limite del reddito esente, non diventa ipso facto imprenditore normale: anche per lui il giudice deve accertare se il lavoro dell'imprenditore prevale o meno sugli altri fattori produttivi. - 10. Continua: la legge fiscale 13 marzo 1968, n. 428, non influisce sulla mia interpretazione. - 11. Il criterio sussidiario, relativo al capitale investito, delimita in via normale imprese più piccole di quelle permesse dal criterio della prevalenza. - 12. La funzione meramente pratica dei due criteri della legge fallimentare giustifica l'individuazione di piccolissimi imprenditori. La teoria della presunzione legale di piccolezza in ordine ai più piccoli imprenditori commerciali, conferma l'interpretazione accolta. - 13. L'obiezione dedotta dall'esistenza degli artigiani, quali piccoli imprenditori: critica.

Annata 1971 Fascicolo 7-10 Pagina 265


  • <
  • >

Gentile Utente,
per utilizzare questa funzionalità è necessario prima effettuare il login.

Non sei registrato? La registrazione richiede solamente un minuto!

Hai richiesto il download del seguente articolo:
Titolo: titolo

La parola inserita non è corretta, si prega di riprovare

Per favore conferma l'operazione copiando il testo contenuto nell'immagine nello spazio sottostante:


Hai scelto di acquistare il seguente articolo:
Titolo: #titolo#
Costo: #crediti#.

Hai a disposizione #crediti#, desideri procedere?

Non hai crediti sufficienti per acquistare questo articolo. Puoi acquistare crediti oppure un abbonamento a tempo dalla pagina del tuo profilo.

ISSN 2532-9839 | 2532-9847