Rivista del Diritto Commerciale e del diritto generale delle Obbligazioni

Risultati della

Ricerca

32 risultati


FILTRI ATTIVI

Annata 1960
Fascicolo 3-4
Modifica filtri Nuova ricerca

25 anni di disciplina federale del mercato azionario negli Stati Uniti (CAMPI CESARE COLTRO)

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 155

FRANCESCHELLI R., Studi Riuniti di diritto industriale (MARIO ROTONDI)

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 159

HEDERICH-GRONOW, Der Lizenzvertrag (G. SCHRICKER)

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 161

CALASSO F., Il negozio giuridico: lezioni di storia del diritto italiano (MARIO ROTONDI)

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 162

SIMONETTO E., Responsabilità e garanzia nel diritto delle società (GIOVANNI E. COLOMBO)

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 164

DENTI V., La verificazione dele prove documentali

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 168

CORTE D'APPELLO DI TORINO - 26 giugno 1959

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 137

CORTE D'APPELLO DI ROMA - 13 agosto 1959

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 141

AZZARITI FR. SAVERIO, MARTINEZ G., AZZARITI G

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 166

BRANCA G., Istituzioni di diritto privato

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 165

BUSSE R., Warenzeichengesetz (ADRIANO VANZETTI)

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 163

In tema di condizioni generali e di contratto tipo (ADRIANO ROSSI)

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 81

TRIBUNALE DI NAPOLI - 3 agosto 1959

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 157

Limite di opponibilità dell'eccesso di procura cambiaria (LINO GUGLIELMUCCI)

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 123

È compatibile col diritto d'opzione la emissione di azione con sovraprezzo? (MARIO ROTONDI)

1. Posizione del problema. -- 2. L'interpretazione più ovvia del concetto di opzione. -- 3. Mancanza di appigli testuali che legittimino l'emissione di azioni in opzione con sovraprezzo. -- 4. Lo stato della dottrina. -- 5. La emissione dì azioni in opzione con sovraprezzo frustra gli scopi del diritto di opzione e non salvaguarda né il mantenimento della parità proporzionale in seno alla società» né la proporzionale partecipazione all'incremento del patrimonio. -- 6. Inaccettabilità, dell'aggiunta di un sovraprezzo allo scopo di creare riserve.

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 81

Cauzione e pegno irregolare (FEDERICO MARTORANO)

1. Funzione della cauzione in senso lato. Mancanza di autonomia giuridica dell'istituto e sua coincidenza con il pegno (regolare o irregolare). -- 2. Cauzione in senso stretto. Coincidenza con la figura del pegno irregolare. -- 3. Il pegno irregolare: suo riconoscimento legislativo e validità generale della norma di cui all'art. 1851 cod. civ. -- 4. Validità generale dei requisiti oggettivi del pegno irregolare menzionati nell'art. 1851 e riduzione di essi al requisito della fungibilità dei beni. -- 5. Critica di una pretesa diversità tra il pegno irregolare e la garenzia accedente all'anticipazione bancaria. -- 6. Efficacia traslativa del pegno irregolare. -- 7. L'accordo delle parti come fonte del trasferimento della proprietà. -- 8. Pegno irregolare e patto commissorio. Il problema dell'applicabilità del divieto alle alienazioni in garanzia con effetto traslativo immediato. -- 9. L'art. 2744 si applica anche a prescindere dall'esistenza di una delle garenzie reali tipiche. -- 10. L'estensione del divieto alle alienazioni in garenzia con effetto immediato come applicazione analogica e non estensiva. Critica della tesi che esclude il ricorso all'analogia. -- 11. La ratio dell'art. 2744. Conclusione pratica in ordine al problema della sua applicabilità analogica ai trasferimenti a scopo di garenzia. -- 12. L'art. 1851 non costituisce una deroga al divieto del patto commissorio, ma, per la esistenza dell'obbligo del conguaglio, disciplina una fattispecie che trovasi al di fuori dei limiti di applicazione del divieto. - 13. Il pegno irregolare come trasferimento di proprietà a scopo di garenzia. Tentativi di qualificare il pegno irregolare come una forma di datio in solutum. Critica. - 14. Il pegno irregolare come adempimento di una prestazione facoltativa. Critica. - 15. Segue: Inconciliabilità di detta costruzione con la disciplina positiva della regola del conguaglio. Conclusione pratica circa la inderogabilità della regola. - 16. Inaccettabilità di detta costruzione sotto il profilo dei corollari pratici che ne derivano. - 17. Invalidità dei trasferimenti a scopo di garenzia per mancanza di una giustificazione causale dell'effetto traslativo. Il principio non si applica al pegno irregolare in quanto l'effetto traslativo è una conseguenza necessaria della fungibilità dell'oggetto. - 18. L'incameramento della cauzione e l'estinzione della obbligazione garentita. Il creditore conserva la possibilità di pretendere l'adempimento, non avvalendosi del pegno irregolare

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 94

Sull'impugnabilità del decreto di nomina del liquidatore (GIAMPAOLO DE FERRA)

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 145

Rassegna della giurisprudenza della Corte Suprema in materia di privative industriali 1955-1958 (MARIO BENEDICENTI)

I) 1. Premessa. -- II) Oggetto del diritto. -- 2. Requisiti per la brevettabilità: scoperta ed invenzione. -- 3. Novità intrinseca: subbiettiva ed obiettiva. -- 4. Invenzione di combinazione e di traslazione, modificazione di invenzione precedente, differenze; modello di utilità. -- 5. Novità estrinseca e divulgazione; il diritto di priorità e l'esame dei requisiti di brevettabilità del ritrovato negli Stati dell'Unione. -- 6. Nesso tra novità intrinseca ed estrinseca: incensurabilità in cassazione. -- 7. Invenzioni non brevettabili: medicamenti e processi di produzione per medicamenti. -- III) Soggetti del diritto. 8. Invenzioni dei dipendenti: compenso; collegio arbitrale; legittimità costituzionale dell'art. 25 R. D. 29 giugno 1939, n. 1127. -- IV) Rilascio dell'attestato. 9. La Commissione dei ricorsi: composizioni e decisioni. -- 10. Posizione dell'inventore in ordine al rilascio del brevetto ed al prolungamento dello stesso. -- V) Rapporti traslativi. 11. Oggetto e trascrizione. -- VI) Difese giuridiche. -- 12. Onere della prova, mezzi di prova, contraffazione. -- 13. Azioni di nullità e di decadenza dal brevetto; competenza arbitrale e per territorio; intervento del P. M. ed efficacia della sentenza. -- VI) Sanzioni. 14. Pubblicazione della sentenza.

Annata 1960 Fascicolo 3-4 Pagina 131


  • <
  • >

Gentile Utente,
per utilizzare questa funzionalità è necessario prima effettuare il login.

Non sei registrato? La registrazione richiede solamente un minuto!

Hai richiesto il download del seguente articolo:
Titolo: titolo

La parola inserita non è corretta, si prega di riprovare

Per favore conferma l'operazione copiando il testo contenuto nell'immagine nello spazio sottostante:


Hai scelto di acquistare il seguente articolo:
Titolo: #titolo#
Costo: #crediti#.

Hai a disposizione #crediti#, desideri procedere?

Non hai crediti sufficienti per acquistare questo articolo. Puoi acquistare crediti oppure un abbonamento a tempo dalla pagina del tuo profilo.

ISSN 2532-9839 | 2532-9847