Rivista del Diritto Commerciale e del diritto generale delle Obbligazioni

Risultati della

Ricerca

24 risultati


FILTRI ATTIVI

Annata 1949
Fascicolo 7-8
Modifica filtri Nuova ricerca

CANDIAN A., Saggi di diritto

CANDIAN A., Saggi di diritto, III, Milano, Giuffrè, 1949, pp. 492.  

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 335

GHIRON M., La concorrenza e i consorzi

GHIRON M., La concorrenza e i consorzi, nel Trattato di diritto civile diretto da VASSALLI, vol. X, t. I, fasc. II, Utet, 1949, di pp. 147.  

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 335

UDINA M., Il diritto internazionale tributario

UDINA M., Il diritto internazionale tributario, Cedam, Padova, 1949, di PP. 454.  

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 335

FIORENTINO A., L'assicurazione contro i danni

FIORENTINO A., L'assicurazione contro i danni, Parte generale, Jovene, Napoli, 1949, di pp. 154.  

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 335

LUZZATTO R., La compravendita secondo il nuovo codice

LUZZATTO R., La compravendita secondo il nuovo codice, I, L.U.P.A., Genova, 1946; II, L.U.P.A., Genova, 1948, complessive pp. 568.  

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 335

CONIGLIO A., Il sequestro giudiziario e conservativo

CONIGLIO A., Il sequestro giudiziario e conservativo, 3a ediz., Giuffrè, Milano, 1949, pp. 218.  

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 335

La responsabilità del depositario per l'omessa denunzia della perdita della cosa depositata (PAOLO GRECO)

DEPOSITO. Responsabilità del depositario per la perdita della cosa depositata. Omissione della denuncia prescritta dall'art. 1780 e sue conseguenze. 

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 221

Le ragioni del detentore contro chi ha ottenuto l'ammortamento (FEDERICO GAMNA)

AMMORTAMENTO. Attribuisce all'ammortante, in caso di mancata opposizione, il diritto di esigere la prestazione dall'emittente. Non trasferisce il credito dall'acquirente di buona fede del titolo all'ammortante

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 231

LOCAZIONE

LOCAZIONE. Proroga delle locazioni. Applicabile anche nel caso di destinazione ad attività, produttiva e anche se nel contratto era sancito l'obbligo del conduttore di attenersi a tale destinazione.

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 250

I requisiti soggettivi nella fattispecie della lesione secondo l'art. 1448 cod. civ. (RODOLFO SACCO)

AZIONE DI RESCISSIONE. Sproporzione fra le prestazioni, stato di bisogno e abuso di un contraente. L'abuso può essere integrato anche da un atteggiamento meramente passivo del compratore.

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 257

Controversie di lavoro e facoltà di richiedere il giudizio di equità (ALBERTO BUFFA)

CONTROVERSIE DI LAVORO. Facoltà di richiedere il giudizio di equità. Ammissibilità della richiesta da parte del procuratore.

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 275

COLPA « IN CONTRAHENDO »

COLPA « IN CONTRAHENDO ». Non esiste quando il recesso dalle trattative costituisca esplicazione della legittima facoltà del contraente di autodeterminarsi fino alla conclusione del contratto. Colpa in senso tecnico come elemento costitutivo di responsabilità in contrahendo. 

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 284

IL DIRITTO DEL SOCIO AGLI UTILI (ALESSANDRO GRAZIANI)

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 265

MORTE DI UN SOCIO IN UNA SOCIETÀ PERSONALE DI DUE SOCI (TULLIO ASCARELLI)

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 271

Sull' interpretazione dell'art. 393 del codice della navigazione (GIORGIO BENETTINI)

NOLEGGIO DELLA NAVE. Responsabilità dell'armatore per fatti delittuosi del comandante. Questi non costituiscono colpe commerciali per le quali dovrebbe rispondere il noleggiatore a sensi dell'art. 393 cod. nav. 

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 264

Gli avanzi di gestione dei consorzi e il concetto giuridico di reddito (GASTONE COTTINO)

RICCHEZZA MOBILE. Residui di bilancio risultanti da risparmi sui contributi dei consortisti. Loro tassabilità in R. M. cat. B. Opere di bonifica configurabili come beni demaniali. Inesistenza di un patrimonio consorziale e conseguenze ai fini della tassabilità.

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 279

NULLITA'

NULLITÀ. Contratto nullo per mancata registrazione. Responsabilità di un contraente per aver fatto ritenere all'altra parte di non volersi avvalere della causa d'invalidità. Questo comportamento non equivale alla mancata notizia di cui all'art. 138, né integra responsabilità di natura extracontrattuale. 

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 242

COMPRAVENDITA

COMPRAVENDITA. Il danno da mancata rivendita deve ritenersi prevedibile e come tale risarcibile anche se l’inadempimento è soltanto colposo. Contratto concluso contro il divieto del blocco dei prezzi. Ripetizione del sovraprezzo. Obbligo del risarcimento del danno per inadempimento. 

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 246

Colpa del terzo e stato di necessità (RENATO CORRADO)

TRASPORTO. Danno arrecato dal conducente per evitare un investimento. Colpa del terzo e stato di necessità.

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 270

A PROPOSITO DEL DIVIDENDO COME FRUTTO DELL'AZIONE DI SOCIETÀ (FEDERICO GAMNA)

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 306

INTERPRETAZIONE DELLA LEGGE ABROGATA E CARATTERE INNOVATIVO DELLA LEGGE NUOVA (TULLIO ASCARELLI)

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 331

Sui requisiti dell' impossibilità della prestazione (GASTONE COTTINO)

OBBLIGAZIONI. Forza maggiore e impossibilità della prestazione. Non ricorre nel caso in cui l'impedimento preesista al contratto e sia noto alle parti. La forza maggiore deve consistere nell'impossibilità obbiettiva e assoluta della prestazione. Non è tale l'impossibilità che cade non sull'oggetto ma sulla sua utilizzabilità

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 226

LA SVALUTAZIONE MONETARIA E LE OBBLIGAZIONI PECUNIARIE (VINCENZO NAPOLETANO)

1. Posizione del problema. - 2. Tesi del NICOLÒ. Ricorso al capoverso dell'art. 1224. Necessità di una dimostrazione di un danno effettivo. Applicazioni giurisprudenziali. Impossibilità di una presunzione. - 3. Inconcepibilità per il debito pecuniario di una distinzione tra aestimatio e taxatio. Necessità di un riferimento a un debito di valore. Inavvicinabilità della moneta al debito di valore. Principio nominalistico. Scritti del NAPPI e del VITERBO. Critica. - 4. a) Imprevedibilità della svalutazione. La imprevedibilità della misura della svalutazione è la stessa imprevedibilità giuridica dell'intero fenomeno; b) Impossibilità di un concetto di danno. Trattasi invece di una parte del debito. Principio del casum sentit creditor; c) I danni maggiori dell'art. 1224 cpv. come danni specifici, non comuni.  

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 316

RISOLUBILITA' DELLA VENDITA DI COSA ALTRUI E ACQUISTO « A NON DOMINO » (LUIGI MENGONI)

I. L'azione di risoluzione della vendita di cosa altrui, sancita dall'art. 1479, comma primo, a favore del compratore di buona fede, prescinde dall'inadempimento dell'obbligo del venditore di procurare l'acquisto. 2. Non si tratta di una reviviscenza, in forma praticamente affine, della vecchia azione di annullamento, fondata sull'alienità della cosa in quanto vizio del negozio. — 3. Il fondamento dell'azione non si riconduce alla causa del negozio. — 4. Il dovere di risarcimento, imposto al venditore dall'art. 1479, commi secondo e terzo, è il contenuto di una responsabilità in contrahendo, di carattere obbiettivo, e connessa all'inefficacia traslativa della vendita. 5. La risolubilità, ex art. 1479 è una sanzione dell'illecito precontrattuale commesso dal venditore, ed ha una funzione strumentale dell'attuazione della sanzione primaria, consistente nell'obbligo di risarcire il danno. — 6. La questione se la riserva finale del primo comma dell'art. 1479 si riferisca soltanto all'ipotesi disciplinata dall'art. 1478 capv., oppure comprenda anche i casi in cui il compratore diventa proprietario, indipendentemente dal previo acquisto per parte del compratore. Breve esame critico degli argomenti portati pro e contra dalla dottrina precedente, in relazione all'impugnativa dell'art. 1459 cod. 1865. — 7. Opinione del GRECO sotto il nuovo codice. 8. Si procede ad una più precisa delimitazione del problema. In alcune ipotesi la risolubilità della vendita è da escludersi senz'altro, perché: A) non si tratta di vendita di cosa altrui in senso tecnico: a) vendita di immobile o mobile registrato conclusa da chi ha già alienato ad altri il diritto, quando Primus non abbia ancora trascritto. — 9. b) Vendita efficacemente conclusa da un non dominus investito di legittimazione apparente in senso tecnico. — 10. B) La qualificazione giuridica della vendita di cosa altrui viene rimossa ex tunc: a) vendita di immobile o mobile registrato altrui, successivamente sanata dalla trascrizione, a norma degli artt. 2652 n. 6 e 2690 n. 3. — 11. b) Vendita successivamente ratificata dal dominus. Coordinamento dell'art. 1478, comma secondo, con l'art. 2032. — 12. Il problema rimane limitato agli acquisti originari o non domino per effetto del possesso di buona fede. Significato della riserva finale del primo comma dell'art. 1479: l'azione di risoluzione è esclusa quando il compratore abbia conseguito l'interesse contrattuale positivo. Si allarga il problema all'ipotesi di un compratore di mala fede al tempo della stipulazione, ma divenuto di buona fede al momento della consegna. Si domanda se questo compratore possa impugnare la vendita con l'azione di risoluzione dell'art. 1453, nonostante abbia acquistato la proprietà in forza degli artt. 1153 o 1159 ss. Opinione negativa della dottrina, secondo la quale, nella detta ipotesi, il venditore avrebbe adempiuto all'obbligazione di procurare l'acquisto al compratore. — 12. Critica. Nel nostro ordinamento, se il compratore di cosa altrui ne diviene proprietario in virtù della regola « possesso vale titolo » o per usucapione traslativa, non si può parlare di adempimento, da parte del venditore, dell'obbligazione di cui all'art. 1478, comma secondo (in nota: esame comparatistico del diritto tedesco). Ma questo non vuol dire che si producano gli effetti dell'inadempimento. — 13. Conseguenze assurde, alle quali dovrebbe giungere chi, nella detta ipotesi, considerasse il venditore inadempiente in senso tecnico. — 14. In tale ipotesi, il venditore resta liberato, non per effetto dell'attuazione del contenuto dell'obbligo, bensì per effetto riflesso della realizzazione aliunde dell'interesse protetto del compratore (creditore) (in nota: spunti critici contro la teoria, recentemente rivalutata dal GIORGIANNI, che pone come oggetto del diritto di credito la prestazione). Pertanto il compratore non può domandare la risoluzione della vendita per inadempimento, ai sensi dell'art. 1453. — 15. La medesima soluzione vale anche per il compratore di buona fede al momento del contratto, relativamente all'impugnativa sancita dall'art. 1479, essendo tale azione negativamente condizionata al conseguimento dell'interesse contrattuale positivo.  

Annata 1949 Fascicolo 7-8 Pagina 276


  • <
  • >

Gentile Utente,
per utilizzare questa funzionalità è necessario prima effettuare il login.

Non sei registrato? La registrazione richiede solamente un minuto!

Hai richiesto il download del seguente articolo:
Titolo: titolo

La parola inserita non è corretta, si prega di riprovare

Per favore conferma l'operazione copiando il testo contenuto nell'immagine nello spazio sottostante:


Hai scelto di acquistare il seguente articolo:
Titolo: #titolo#
Costo: #crediti#.

Hai a disposizione #crediti#, desideri procedere?

Non hai crediti sufficienti per acquistare questo articolo. Puoi acquistare crediti oppure un abbonamento a tempo dalla pagina del tuo profilo.

ISSN 2532-9839 | 2532-9847