Rivista del Diritto Commerciale e del diritto generale delle Obbligazioni

Risultati della

Ricerca

41 risultati


FILTRI ATTIVI

Annata 1938
Fascicolo 1
Modifica filtri Nuova ricerca

RIFLESSIONI SUL CONSENSO DELL’AVENTE DIRITTO (ART. 50 COD. PEN.) (AURELIO CANDIAN)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 458

L’assicurazione dell'Insolvenza del conduttore. (SERGIO FERRARINI)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 519

L’OPERA DI ANGELO SRAFFA - L’ispirazione umanistica. (MARIANO D'AMELIO)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 19

Il magistero forense. (FRANCESCO CARNELUTTI)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 27

Il Maestro e l’insegnante. (MARIO ROTONDI)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 31

Gli scritti sulle società commerciali. (GIANCARLO FRE)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 37

DIRITTO COMMERCIALE SPAGNUOLO (LORENZO MOSSA)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 89

Indice degli scritti di ANGELO SRAFFA

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 66

LIBRI E RIVISTE

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 440

Il rinnovamento del diritto civile tedesco (*). (LORENZO MOSSA)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 523

CONTRATTO CON SE MEDESIMO * (ANGELO SRAFFA)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 71

Il contributo all’opera legislativa. (ALBERTO ASQUINI)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 21

La « Rivista di diritto commerciale ». (GIUSEPPE VALERI)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 24

Riflessi tributari della teoria generale del processo. (SALVATORE SATTA)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 192

LIBRI E RIVISTE

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 207

Il mandato e la commissione. (LUIGI LORDI)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 54

IL RAPPORTO FRA L'ORGANO AMMINISTRATIVO DELLE SOCIETÀ ANONIME E LA SOCIETÀ (GIANCARLO FRE)

1. La definizione dell'art. 121 cod. di comm. — 2. Rappresentanza e rapporto organico. — 3. Organo e portatore di organo. — 4. Significato attri­buito all’espressione « organo » dalla nostra dottrina. — 5. La qualifica di « man­datari » attribuita agli amministratori nella nostra dottrina. — 6. Necessità di abbandonare il concetto di mandato. — 7. L’organo amministrativo come ele­mento strutturale indispensabile per l'attuazione deirintores.se della società. — 8. La rappresentanza organica. — 9. L’organo amministrativo come elemento essenziale dell’anonima. — 10. L’organizzazione collegiale dell’organo ammini­strativo. — 11. Posizione indipendente dell’organo amministrativo, — 12. La re­sponsabilità della società per il fatto illecito dell’organo amministrativo e la re­sponsabilità degli amministratori verso i terzi. 13. La responsabilità degli am­ministratori nell’Aktiengesetz del 1937.

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 405

SERVITÙ FONDIARIE E SERVITÙ AZIENDALI (GIUSEPPE GROSSO)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 462

LIBRI E RIVISTE

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 78

LA GIRATA NORMALE A SCOPO LIMITATO (COSIDDETTA GIRATA FIDUCIARIA) (VITTORIO SALANDRA)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 154

SULLA SISTEMATICA DEL CONTRATTO DI NOLEGGIO (ALESSANDRO GRAZIANI)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 173

Le opere minori. (MARIO CASANOVA)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 57

COMPLEMENTARITÀ ECONOMICA ED UNITÀ GIURIDICA NELLA TEORIA DELL’AZIENDA * (MARIO CASANOVA)

§ I. - 1. Dottrine atomistiche o dottrino unitarie nella teoria dell’a­zienda. — 2. XI problema della natura giuridica dell'azienda ed i criteri offerti dalla c. d. coscienza sociale. — § XX. - 3. Necessità, per determinare la natura giuridica dell’azienda, di precisarne la natura economica. — 4. Se, dal punto di vista economico, l’azienda costituisca un nuovo od unico bene, distinto dagli elementi che le compongono. — 5-6. Natura economica dell’azienda: complesso ili beni o di servizi economicamente complementari rispetto al fine del conse­guimento del profitto. — 7. XI problema, di carattere generale, degli effetti giu­ridici della destinazione economica dei beni. § III. - 8-9. Principii giuridici dominanti in materia di destinazione economica e loro sfera d’azione. — 10. Ap­plicazioni alla teoria dell’azienda. — 11.-12. Deduzioni critiche sulle c. d. dottrine atomistiche dell’azienda. — 13-14. Valore giuridico oggettivo della nozione di azienda.  

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 345

FALSO NELLA FIRMA DEL DELEGANTE E DEL TRAENTE (WALTER BIGIAVI)

1. Il problema. — 2. Falsità nella firma del delegante e nullità della doppia causa. — 3. Falso e concezione della delegazione (critica e rinvio). Delibazione equitativa del problema. Si afferma che, nel caso di falso nella firma del delegante, l’obbligazione delegato-delegatarie si caduca. —4. Argomenti avan­zati a favore di questa tesi : a) la presupposizione; — 5. b) la causalità della de­legazione pura (Butti); — 6. c) le corrispondenti nonno di diritto cambiario; — 7. d) critica di quest'ultimo argomento. So l’autonomia dell'accettazione cam­biaria valga solo ili fronte al terzo possessore od anello ili fronte al prenditore. — 8-9. Seguo. — 10. Riassunto e conclusioni. — 11. Il problema nella delegatio solvendi. Identità della soluzione. — 12. Il problema nella delegatio solvendi cambiaria. Se la perdita dell'azione di regresso da parto dell’accipiens in buona fede impedisca la ripetizione nei suoi confronti. — 13. Segue. Bisogna distinguere l’ipotesi di chi paga credendo vera la propria firma da quella di chi paga cre­dendo vera la firma del traente. In questo secondo caso identico rimane il que­sito sia con riguardo alla tratta, sia con riguardo allo chèque. — 14. Esame della giurisprudenza che nega la ripetizione contro l’ accipiens in b. f. da parte del trattario (di cambiale o di chèque) che abbia pagato credendo autentica la firma del traente. — 15. Se il principio dell’autonomia, dettato dalla leggo per lo obbligazioni cambiarie, possa valere anche con riguardo al pagamento. Il problema nei diritti anglo-sassoni. — 16. Segue l’esame negli ordinamenti anglo­sassoni. — 17. La tesi proposta dulia giurisprudenza (nostra e anglo-sassone) è esatta, sicché la ripetizione dove escludersi anche nel caso di pagamento (sebbene non preceduto da accettazione). Critica degli argomenti contrari, non sufficiente­mente vagliati dalla giurisprudenza. La ratio dell’indipendenza dell’accettazione dall’autenticità della firma del traente non risiede nella letteralità. — 18. Si critica l’argomento ricavato dalla necessità di tutelare i soli terzi possessori successivi all’accettazione. Conclusione. — 19. L’autonomia non vale nei con­fronti del possessore in « dolo ». — 20-21. Concetto di possessore in buona fede.  

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 368

IL QUARTO LIBRO NEL PROGETTO DEL CODICE CIVILE ITALIANO (EMILIO BETTI)

1. Esigenza di coordinamento organico. Carattere antiquato dot pro­getto del « quarto libro » o suo fondamento nell’obiettivo dell’unificazione con la Francia. — 2. So una unificazione legislativa dei due paesi sia possibile o racco­mandabile: presupposti dell’unificazione. — 3. Ostacolo che essa trova nello ten­denze politico-legislativo della democrazia francese. — t. Contrasto fra tali ten­denze e gli ideali legislativi del fascismo. — 5. Diretti della tecnica, e della poli­tica legislativa del progetto. — 6. Id. con riguardo al coordinamento Con la ma­teria dolio successioni. — 7. Se e in qual scuso la riforma del codice italiano possa avvantaggiarsi delle tendenze politico-legislative del socialismo nazionale nella riforma del codice civile tedesco.  

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 537

LA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO (ANTONIO SEGNI)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 236

LIBRI E RIVISTE

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 527

IL CONTRATTO DI LAVORO NELLA GIURISPRUDENZA (ROBERTO MONTESSORI)

ANNO 1936 II. Sommario — 10. Durata del rapporto di lavoro. — 11. L’obbligazione di prò almo le opere. — 12. Orario di lavoro e lavoro straordinario. —- 13. Riposo set­timanale. — 14. Riposo annuale. — 15. Interruzione della prestazione delle opere a motivo di richiamo alle armi. — 16. Interruzione delle opere a motivo di ma­lattia. — 17. Ambiente di lavoro. — 18. Disciplina.  

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 611

LA RESPONSABILITÀ VERSO I TERZI DEI COMPAGNI DELLE COMPAGNIE MERCANTILI TOSCANE DEL DUGENTO E DEI PRIMI DEL TRECENTO (*) (ARMANDO SAPORI)

I. Impostazione della questiono. — II. Se sia esistito un contratto di « accomandigia » distinto dal «deposito»: I. Opinioni affermative. — 2. Con­futazione: A) sinonimia dei due termini nei documenti toscani del tempo; B) esame di una protesa. « accomandigia » dell’8 febbraio 1255; C) un proteso « deposito irregolarissimo» in Firenze ai primi del Trecento. — III. Se sia esi­stita una forma di società, «in accomandita»: 1. Opinioni sulla esistenza di duo categorie di soci. - 2. Confutazione : A ) distinzione secondo le quote conferito in società; B) distinzione tra «compagni di fuori» e «compagni di dentro » ; C) di­stinzione secondo la partecipazione o meno agli affari sociali : a) due pretesi con­tratti di società in accomandita ; b) il problema della di ozione delle Compagnie. — IV. Se i mercanti del tempo abbiano auspicato la società in accomandita: 1. Opinione affermativa. - 2. Confutazione. — V. Como si potessero conoscere i nomi dei compagni delle Compagnie: 1. Nelle città dove le Compagnie avevano la sede centrala. - 2. All’estero dove le Compagnie avevano lo succursali- — VI. La «società occulta» e la «partecipazione». — VII. Conclusione: 1. Le compagnie mercantili toscano del Due e del Trecento e la persistenza delle loro caratteristiche di società in nome collettivo. - 2. Il finanziamento delle compa­gnie : capitali sociali, capitali in partecipazione, depositi. »

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 571

LIBRI E RIVISTE

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 625

LA “ATIPICITÀ” NELLE SOCIETÀ COMMERCIALI (ISIDORO LA LUMIA)

1 : 1. La distinzione tradizionale delle società commerciali. II: 2. La inammissibilità di società commerciali atipiche, nella dottrina dominante. —       sub. I : 3. La distinzione delle società commerciali nel sistema del diritto vigente (rettifica della distinzione tradizionale) : la esistenza o inesistenza di re­sponsabilità di lutti i soci, o di alcuni di essi, pei debiti sociali è, in generale, l’elemento essenziale e caratteristico di ciascun tipo legale di società commerciale. —        Sub. II : 4. La negazione della inammissibilità di società commerciali ati­piche in una recente dottrina (Rocchi). — 5. Critica di questa dottrina. — 6. I presupposti della soluzione del problema, della ammissibilità rii società com­merciali atipiche : .4) Il contratto di società, commerciale in generale, ed in parti­colare i contratti di società commerciali tipici. — 7. B) 1 contratti ili società com­merciali tipici come elementi materiali dello « società commerciali » : soltanto essi possono dare vita a società commerciali (sia regolari che irregolari) dotate di per­sonalità giuridica, — 8. La validità, gli effetti o la disciplina giuridica dei con­tratti di società commerciali atipici. — 9. Il valore costruttivo sussidiario dei contratti di società commerciali atipici, ed alcuni casi ili tali contratti. 10. Le clausole atipiche ilei contratti ili società commerciali tipici. — 11. La disciplina giuridica delle clausole atipiche: .4) Le norme coattive come limite giuridico dell’ef­ficacia delle clausole atipiche. — 12. B) L’influenza della nullità delle clausole atipiche sulla validità del contratto sociale. — 13-14. Alcuni casi di clausole atipiche valide. In particolare, la clausola in cui si stabilisca che tutti i soci di una anonima siano tenuti a rispondere illimitatamente dei debiti risultanti da alcune operazioni sociali.  

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 217

L’IPOTECA COME DIRITTO REALE (REMO FRANCESCHELLI)

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 274

IL CONTRATTO DI LAVORO NELLA GIURISPRUDENZA (ROBERTO MONTESSORI)

Anno 1936 (*) I. Sommario : 1. Le fonti del regolamento del rapporto di lavoro. — 2. In particolare il contratto collettivo. — 3. Contratti collettivi anteriori alla legge sindacale del 3 aprilo 1926. — 4. Lo diffide degli ispettori corporativi. — 5. Locazione di opera e locazione di opero o contratto di lavoro. —- 6. Costituzione del rapporto di im­piego privato. — 7. Modificazione dei patti del rapporto di lavoro. — 8. Rapporto di lavoro. Rapporto di impiego. La qualità di impiegato. — 9. Qualifica di chi presta le opere.  

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 474

AUTORIZZAZIONE, MANDATO, ORDINE NELLA DELEGAZIONE (WALTER BIGIAVI)

Sommario : 1. La dottrina della doppia autorizzazione. Sua derivazione dalla teoria del v. Salpius, che, nell’ambito della delegazione, sostituì il iussum al mandato nei casi normali. — 2. Secondo il v. Salpius il rapporto delegante-delegatario non è un mandato, eccettuati alcuni casi particolari. — 3. La dichiarazione del delegante al delegato come iussum (v. Salpius). — 4. Il iussum come auto­rizzazione e non come ordine . — 5. Esposizione degli argomenti addotti a favore della teoria del iussum. — 6. Esame degli argomenti stessi : a) la pretesa assenza dell’acro mandati diretta in pro del delegante ; il mandato come con­tratto, il iussum come dichiarazione unilaterale. — 7. Critica di quest’argo­mento. — 8. b) Mancanza dell'actio mandati contraria a favore del delegato nella delegazione su debito. — 9. Inefficacia delle critiche rivolte contro quest’ar­gomento. — 10. Nella delegazione su debito la dichiarazione del delegante al delegato è un iussum e non un mandato.— 11. Ciò perchè, nel caso di inesistenza del debito verso il delegante, al delegato non può spettare altro rimedio che la ripetizione dell’indebito, non mai actio mandati contraria, nemmeno in con­corso con la prima. — 12. Nella delegazione allo scoperto la dichiarazione del delegante al delegato è un mandato [rectius : un’offerta di mandato], non già un iussum. — 13. Delimitazione del concetto di delegazione su debito. — 14. Secondo la tesi prospettata nel testo, nella delegazione che è o si presenta allo scoperto l’azione in rimborso del delegato è un’actio mandati contraria. A con­traria soluzione si perviene, invece, aderendo alla dottrina dominante, che segue lo ormo del v. Salpius. — 15. Esame della questiono nell’ambito ilei diritto po­sitivo tedesco e di quello austriaco. — 16. Esame della questione nell’ambito del diritto cambiario. — 17. Il debitore è obbligato a dar corso alla delegatio solvendi del suo coeditore. — 18. Il creditore per causa commerciale può sempre spiccare sul proprio debitore commerciante, senza che sia necessario il previo consenso di quest’ultimo, che sarà responsabile dei danni se non paga alla scadenza. — 19. Il debitore, invece, non è mai obbligato ad accettare mia tratta, anche se esso e il creditore siano commercianti e il debito abbia natura com­merciale, così come non ù mai obbligato ad accettare mia delegatio promittendi. — 20. In base a quanto sostenuto dianzi, nella delegazione su debito il iussum del delegante è un ordine, se si tratta di una delegatio solvendi; un’autorizzazione, se si tratta di una delegatio promittendi. — 21. L’autorizzazione del delegante al delegatario: se sia necessaria. Proposizione di una tesi intermedia.  

Annata 1938 Fascicolo 1 Pagina 98


  • <
  • >

Gentile Utente,
per utilizzare questa funzionalità è necessario prima effettuare il login.

Non sei registrato? La registrazione richiede solamente un minuto!

Hai richiesto il download del seguente articolo:
Titolo: titolo

La parola inserita non è corretta, si prega di riprovare

Per favore conferma l'operazione copiando il testo contenuto nell'immagine nello spazio sottostante:


Hai scelto di acquistare il seguente articolo:
Titolo: #titolo#
Costo: #crediti#.

Hai a disposizione #crediti#, desideri procedere?

Non hai crediti sufficienti per acquistare questo articolo. Puoi acquistare crediti oppure un abbonamento a tempo dalla pagina del tuo profilo.

ISSN 2532-9839 | 2532-9847